giovedì 23 novembre 2017

TELEGIORNALISMO ALL'ITALIANA. DALLA VOSTRA PARTE. FORSE NON SARA' STATO IGOR, PERO'... DAL PROGRAMMA DI RETE 4 "DALLA VOSTRA PARTE" del 20 novembre 2017



"A Budrio, per esempio, ve lo ricordate? Il paese dove fu ucciso Davide Fabbri da Igor, Igor il Russo, mai trovato, scomparso nelle campagne, beh, c'è un altro omicidio...forse Igor non c'entra, ma non importa:la paura c'è lo stesso! Anzi, comnciamo proprio da qui (...) una donna è stata trovata uccisa all'interno della villetta e naturalmente, certo, forse non è stato Igor, probabilmente non c'entra nulla...però...però torna questa paura. E torna la paura anche perchè a Busto Arsizio due donne, due persone anziane sono state colpite...è stata colpita, picchiata da uno straniero...avremo anche l'intervista con la sorella..."

lunedì 20 novembre 2017

DISLESSIA E FONT PER LA LETTURA. B. ARDU', Ecco il 'font' che aiuta i dislessici, l'idea italiana che piace a Microsoft, LA REPUBBLICA, 20 novembre 2017

Microsoft ha gli occhi puntati su una start up italiana, EasyReading. Niente giovani ingegneri che lavorano fino a notte fonda in un incubatore. Niente intelligenza artificiale, ma lettere e segni. A idearla è un grafico torinese, Federico Alfonsetti, sessant’anni passati, ex piccolo editore. Qualche anno fa ha chiuso baracca e s’è reiventato seguendo la sua passione, il font, il modo in cui si stampa ogni singola lettera. L’obiettivo non era trovarne uno più bello o particolare, ma disegnarne uno che facilitasse la lettura ai dislessici.

sabato 18 novembre 2017

LA SCUOLA IN ITALIA. ROMA. R. FRIGNANI, «Al Virgilio comandano in pochi, intimidiscono e i padri li difendono», CORRIERE DELLA SERA, 17 novembre 2017

In un mese è successo di tutto: il crollo di un soffitto del Cinquecento, un’occupazione con rave party, un video hard fra studenti postato sui social, bombe carta lanciate durante la ricreazione. Adesso anche la cocaina consumata a scuola. Non c’è pace per il Virgilio, il liceo classico di via Giulia dove l’anno scorso i carabinieri sono entrati per arrestare uno studente spacciatore. Dal primo settembre c’è una nuova dirigente scolastica, Carla Alfano. Oggi rivela senza mezzi termini l’esistenza di un «clima mafioso e intimidatorio all’interno della scuola da parte di un gruppetto di studenti. Con i genitori che li spalleggiano».